Studio Certificato Sistema Qualità ISO9001
Commercialisti, Consulenti del Lavoro ed Avvocati
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese
Giugno 2021

Dal 1°luglio 2021 entreranno in vigore le modifiche alla Direttiva IVA 2006/112/CE introdotte con l’obiettivo di semplificare gli obblighi IVA dei soggetti passivi impegnati nel commercio on line transfrontaliero di beni e servizi.

I nuovi regimi in questione apporteranno sostanziali modifiche e sono nello specifico:

- OSS (One Stop Shop) per le vendite a distanza di beni spediti a partire da uno Stato membro e destinati a consumatori finali privati di altro Stato membro dell’Unione Europea;

- IOSS (Import One Stop Shop) per le vendite a consumatori finali europei di beni precedentemente importati in esenzione iva in quanto di valore non superiore a 150 euro ed effettuate indifferentemente da fornitori stabiliti in paesi terzi o anche in paesi comunitari purchè registrati al portale;

Dette novità nascono dall’esigenza di addebitare l’aliquota IVA del Paese di destinazione della merce anziché quella del Paese di origine al superamento dell’unico plafond annuale ridotto a 10.000 euro complessivi.

La disciplina finora vigente prevedeva soglie differenziate per ogni Paese di destino della merce al di sotto delle quali era possibile continuare ad addebitare l’IVA italiana.

Viene introdotto quindi un sistema europeo semplificato di assolvimento dell’IVA ma differenziato per Paese in cui le vendite comunitarie sono effettuate.

Per avvalersi del regime è necessaria la registrazione sull’ apposito portale online nell’area riservata alla sezione Regimi IVA One Stop Shop e/o Import One Stop Shop.

Per tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi ammissibili destinate ad acquirenti situati in tutti gli altri 26 Stati membri tale opzione permetterà di evitare di aprire una posizione fiscale ulteriore a quella italiana consentendo la liquidazione differenziata dell’Iva per aliquota gestendo esclusivamente la propria posizione fiscale da territorio nazionale.

Una dichiarazione IVA elettronica, da inviare telematicamente entro il giorno 20 del trimestre successivo a quello in cui si sono effettuate le vendite, permetterà un unico versamento dell'IVA comprensivo di tutte le singole transazioni effettuate nei diversi Stati membri.

La dichiarazione iva trimestrale si aggiunge e non è sostitutiva della dichiarazione Iva nazionale tradizionale che continuerà con il trattamento tradizionale.

Non sarà possibile avvalersi del regime per un singolo Paese ma la scelta implica l’adesione alla procedura per ogni stato comunitario di destinazione della merce.

Sarà poi lo Stato italiano a regolare il versamento dell’Iva nei diversi Stati per conto del contribuente. La dichiarazione andrà effettuata anche in assenza di transazioni.

Il nuovo regime è facoltativo, ma senza registrazione all’OSS e superando € 10.000 annuali di vendite on line a privati localizzati in altri Paesi comunitari, l’alternativa a detto regime semplificato sarà esclusivamente registrarsi presso ciascuno degli stati nei quali è stata venduta la merce con un rappresentante fiscale specifico o alternativamente con l’apertura di una partita iva apposita in ogni Paese.

In calce una tabella riepilogativa delle aliquote iva vigenti in ogni Paese comunitario:

In caso di vendite a distanza di beni importati da territori terzi ad acquirenti appartenenti all’UE invece (regime IOSS), l’iva corretta è a prescindere quella dello stato membro dell’UE nel quale avviene la cessione, la quale va applicata nel momento in cui l’ordine viene incassato. In questo caso, la dichiarazione iva va presentata entro la fine del mese successivo a quello di riferimento.

Anche i clienti forfettari saranno obbligati ad uniformarsi al nuovo regime opzionale se vendono in paesi europei.

Lo Studio è disponibile a valutare le situazioni specifiche di ciascun cliente e ad adempiere tempestivamente alle nuove direttive comunitarie per avvalersi del regime semplificato Oss, il quale permetterà di vendere in tutti gli Stati membri con costi nettamente inferiori a quelli che si renderebbero necessari per regolarizzarsi differentemente in ciascun stato membro.

Lo Studio rimane a disposizione per ulteriori informazioni.

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Conosciamoci in un primo appuntamento gratuito o richiedi una consulenza

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok